Gare di ristorazione negli ospedali: ANAC fissa i prezzi di riferimento

L’Autorità nazionale anticorruzione ha deliberato i prezzi di riferimento per i Servizi di ristorazione in ambito sanitario. “Il servizio di ristorazione – sottilinea Anac – è un servizio con caratteristiche analoghe al servizio di pulizia e sanificazione e che, pertanto, allo stesso è applicabile la metodologia per la determinazione dei prezzi di riferimento del servizio di pulizia e sanificazione definita nella predetta Relazione tecnica congiunta ANAC/Istat”.

La delibera contiene diversi allegati: l’ «allegato A» (contenente i prezzi di riferimento). la relazione AIR, la «Guida operativa di ausilio al calcolo dei prezzi di riferimento del servizio ristorazione», la «Relazione tecnica congiunta ANAC/Istat riguardante la metodologia statistica per la determinazione del prezzo di riferimento del servizio di ristorazione», nonché il «Documento tecnico» denominato «Prezzi di riferimento in ambito sanitario: servizio di ristorazione», nel quale viene definita in maniera dettagliata la metodologia specificatamente adottata per la determinazione dei prezzi di riferimento del servizio ristorazione.

Come sono stati determinati i prezzi di riferimento
Per arrivare a determinare la fascia di prezzo di riferimento l’Anac ha considerato diverse variabile nel servizio e nella tipologia di alimenti. Quelle prese in considerazione sono sostanzialmente quattro: se esiste un servizio aggiuntivo incluso nel corrispettivo pagato per il trasporto dai reparti ai pazienti (consegnatesta/letto); se il contratto prevede l’utilizzo di vassoi personalizzati per i pazienti; se il contratto prevede la modalità di servizio adottata fresco/caldo o refrigerato e se è previsto l’utilizzo di una cucina interna o esterna.

I prezzi fissati dall’Anac per la ristorazione sanitaria
Per quanto riguarda la colazione e la merenda, a seconda che vi sia la cucina interna o esterna, che i vassoi siano personalizzati o meno, e che il trasporto sia compreso nel pacchetto i prezzi variano da un minimo di 0,48 euro ad un massimo di 1,32 euro.

Per il pranzo i prezzi variano, a seconda dei servizi, da 4,82 euro fino a 6,55 euro. Per la cena invece le tariffe vanno da 4,69 euro fino a 5,84 euro.

Predisposti prezzi di riferimento anche per l’intera Giornata Alimentare (Colazione, Pranzo e Cena). In questo caso si parte dai 9,80 euro fino a 13,71 euro.

Per approfondimenti, cliccare qui.

(via www.cna.it)

altre news

Ambiente – attivato il portale per l’invio delle valutazioni d’impatto ambientale di competenza statale

22 Febbraio 2024

Eccellenze gastronomiche italiane: al via il Fondo per la valorizzazione del settore

22 Febbraio 2024

Seminario FARE INVESTIMENTI IN VALLE D’AOSTA

22 Febbraio 2024

Progetto Tourism Digital Hub per la promozione delle imprese turistiche

20 Febbraio 2024