CONTRIBUTI ESERCIZI DI VICINATO PER L’ANNO 2023

Fino al 13 ottobre 2023 è possibile presentare domanda di contributo per gli esercizi di vicinato per il commercio al dettaglio di generi alimentari e di prima necessità. I contributi possono essere richiesti da nuove attività che hanno aperto nel 2023 o da attività già esistenti che hanno mantenuto la loro attività nel 2023.

  • L’importo massimo del contributo una tantum per le imprese che hanno avviato l’attività nel 2023 è pari ad euro 15.000,00.
  • L’importo massimo per il mantenimento dell’attività è pari ad euro 6.000,00.

Possono beneficiare dei contributi di cui alla legge le imprese che siano in possesso di tutti i seguenti requisiti:

  • titolarità della gestione di esercizi di vicinato (anche in singole unità locali), ubicati nel territorio della Valle d’Aosta, operanti esclusivamente nel settore del commercio al dettaglio;
  • svolgimento nell’esercizio di vicinato, nell’anno solare 2023, di almeno un’attività di commercio al dettaglio, prevalente o secondaria, classificata, come risultante da visura della Camera valdostana delle imprese e delle professioni/Chambre, con codice ATECO 47.1; 47.11.3; 47.11.4; 47.11.5; 47.2; 47.30; 47.41; 47.42; 47.51.2; 47.52.10; 47.59.3; 47.62.1; 47.62.2; 47.71.2; 47.73.1; 47.73.2; 47.74; 47.75.1; 47.75.20; 47.76; 47.78.4; 47.78.6;

Per la richiesta di contributo per il mantenimento dell’attività sono necessari anche i seguenti requisiti:

  • registrazione di un volume di affari medio annuo, per ogni esercizio di vicinato, dichiarato ai fini dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) per gli anni 2020, 2021 e 2022, non superiore a euro 120.000,00 anche qualora l’attività sia stata avviata solamente nell’esercizio 2021 o nell’esercizio 2022;
  • impiego di ULA, nell’anno solare 2022, per ogni esercizio di vicinato non superiore a 2,5
  • Le imprese beneficiarie dei contributi non devono aver cessato o cessare l’attività dell’esercizio di vicinato in data antecedente il 1° gennaio 2024

Le imprese beneficiarie dei contributi per l’avvio dell’attività devono:

  • aver avviato o avviare l’attività dell’esercizio di vicinato, come certificato dal Registro delle imprese, nell’anno 2023 entro la data del 31 dicembre;
  • non aver cessato o cessare l’attività dell’esercizio di vicinato, come certificato dal Registro delle imprese, in data antecedente il 1° gennaio 2026.

La domanda di contributo a fondo perduto in “de minimis”, secondo l’apposito modello predisposto dalla Struttura competente, deve essere compilata in ogni sua parte e completa di tutte le informazioni e dichiarazioni sostitutive necessarie e inviata alla Struttura medesima esclusivamente tramite PEC all’indirizzo turismo@pec.regione.vda.it.

La domanda di contributo a fondo perduto è soggetta al pagamento dell’imposta di bollo da assolvere esclusivamente in modo virtuale attraverso la piattaforma pagoPA®

La modulistica nonché la normativa completa è disponibile a QUESTO LINK

altre news

Ambiente – attivato il portale per l’invio delle valutazioni d’impatto ambientale di competenza statale

22 Febbraio 2024

Eccellenze gastronomiche italiane: al via il Fondo per la valorizzazione del settore

22 Febbraio 2024

Seminario FARE INVESTIMENTI IN VALLE D’AOSTA

22 Febbraio 2024

Progetto Tourism Digital Hub per la promozione delle imprese turistiche

20 Febbraio 2024