Una serie di iniziative per celebrare i vent’anni della Biblioteca regionale di Aosta

Vent’anni fa, il 2 settembre 1996, la nuova Bibliothèque régionale d’Aoste apriva per la prima volta le sue porte agli utenti, tre mesi prima di essere ufficialmente inaugurata, il 2 dicembre successivo.
L’edificio, progettato dall’architetto Gianni Debernardi, racchiude più di duemila anni di storia, essendo stato ricavato sulle strutture del seicentesco Ospizio di Carità, frutto dell’adeguamento di una dimora nobile, a sua volta realizzata sulla torre sud della Porta Decumana romana.
Un luogo carico di storia, dunque, che è diventato negli ultimi vent’anni il più importante centro culturale della Valle d’Aosta, nel quale tutti possono coltivare i propri interessi, estendere le proprie conoscenze, allargare comunque sempre i propri orizzonti culturali.Nei vent’anni trascorsi la Biblioteca ha dovuto continuamente aggiornarsi, per offrire al suo pubblico stimoli sempre nuovi e servizi tecnologicamente al passo coi tempi.

Per celebrare questo anniversario, il Sistema bibliotecario ha ideato un programma suddiviso in due parti:

· una notte bianca, con apertura fino alle 24, a vent’anni dall’apertura al pubblico, il 2 settembre

· un’intera settimana di eventi a vent’anni dall’inaugurazione ufficiale, che si concluderà il 4 settembre con l’apertura domenicale.

La notte bianca si svolgerà venerdì 2 settembre, dalle 18 alle 24, e vedrà il coinvolgimento delle associazioni culturali del territorio, storiche e scientifiche, dell’Università della Valle d’Aosta, della Cittadella dei Giovani, dell’associazione Aosta iacta est e di gruppi musicali.
Nella sezione Emeroteca saranno illustrati al pubblico i nuovi servizi digitali offerti dalla Biblioteca: Cordela (la biblioteca digitale valdostana) e MLOL (MediaLibraryOnLine).
Una marching band percorrerà due volte nella serata, le vie dall’Arco d’Augusto alla Biblioteca, per accompagnare i partecipanti agli eventi, che coinvolgeranno tutte le sezioni con animazioni per bambini e adulti.
Per l’occasione, le esposizioni di Enrico Baj (MAR) e Leonard Freed (Centro Saint-Bénin) rimarranno aperte fino alle ore 22.

altre news

Ambiente – attivato il portale per l’invio delle valutazioni d’impatto ambientale di competenza statale

22 Febbraio 2024

Eccellenze gastronomiche italiane: al via il Fondo per la valorizzazione del settore

22 Febbraio 2024

Seminario FARE INVESTIMENTI IN VALLE D’AOSTA

22 Febbraio 2024

Progetto Tourism Digital Hub per la promozione delle imprese turistiche

20 Febbraio 2024