Pagamento degli stipendi: vietato il contante dal prossimo 1° luglio 2018

A seguito di una recente modifica legislativa, a decorrere dal prossimo mese di luglio 2018 sarà vietato corrispondere le retribuzioni in contanti al lavoratore, a prescindere dalla tipologia del rapporto di lavoro instaurato, pena l’applicazione di una sanzione da € 1.000 a € 5.000.
La firma apposta dal lavoratore sulla busta paga non costituirà prova dell’avvenuto pagamento degli stipendi.

A decorrere dal prossimo 1° luglio gli stipendi potranno essere pagati esclusivamente tramite banca / ufficio postale utilizzando uno dei seguenti mezzi:
– bonifico bancario sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore;
– emissione di assegno bancario intestato al lavoratore e consegnato direttamente al – lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, ad un suo delegato;
strumenti di pagamento elettronico.

Le predette disposizioni non sono applicabili ai rapporti di lavoro:
– instaurati con le Pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, D.Lgs. n. 165/2001;
– rientranti nell’ambito di applicazione dei contratti collettivi nazionali per gli addetti ai servizi familiari e domestici (colf e badanti), stipulati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale.

Nonostante il divieto abbia decorrenza dal prossimo 1° luglio, si consiglia di utilizzare sin da subito gli strumenti di pagamento previsti dalla norma: bonifico bancario ed assegno intestato al lavoratore.

Aosta, 8 gennaio 2018

altre news

Le associazioni del comparto ascensori esprimono disappunto sul “dietro front” del governo a cessione del credito e sconto in fattura

11 Aprile 2024

Aperinorma, un webinar gratuito sulle tecnologie per valorizzare la risorsa idrica potabile

11 Aprile 2024

CNA contraria alla proposta sul Foglio di servizio elettronico

11 Aprile 2024

Approvato un nuovo Bando da 11 milioni per la promozione degli investimenti in Valle d’Aosta

11 Aprile 2024