Legge di stabilità: le principali novità introdotte per il 2016

Entrata in vigore il primo gennaio, la legge di Stabilità 2016 intende sostenere la ripresa economica e rilanciare l’occupazione e i consumi, contiene diverse disposizioni in tema di lavoro.

– esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato
per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato che avverranno durante tutto il 2016, ai datori di lavoro è riconosciuto l’esonero del versamento del 40% dei contributi previdenziali a loro carico. Rispetto allo scorso anno, però, cambiano la durata dello sgravio, che passa da 36 a 24 mesi, e la misura del medesimo, che varia dal limite massimo di esonero annuo di 8.060 euro a quello di 3.250.

– ammortizzatori sociali
vengono rifinanziati gli ammortizzatori sociali in deroga e i contratti di solidarietà di tipo B. Se in linea generale tale misura è positiva, va segnalata l’introduzione di criteri maggiormente restrittivi per la concessione di ammortizzatori in deroga, dal momento che le mensilità passano da cinque a tre.
Altra importante novità in materia di ammortizzatori sociali è l’abolizione del requisito delle 90 giornate per la richiesta del trattamento di integrazione salariale nel caso di eventi oggettivamente non evitabili, a prescindere dalla circostanza per la quale a presentare la domanda siano imprese industriali o artigiane.

– tassazione agevolata dei premi di produttività
Nel dettaglio, questi emolumenti sono sottoposti ad imposta sostitutiva dell’IRPEF con aliquota al 10%, entro il limite di importo complessivo di 2.000 euro lordi, che può essere aumentato fino a 2.500 euro per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro.

– possibilità per le donne di accedere al trattamento anticipato di pensione in presenza di determinati requisiti, a condizione che le lavoratrici optino per il sistema di calcolo contributivo integrale. I suddetti requisiti devono essere maturati entro il 31 dicembre 2015, anche se la decorrenza del trattamento pensionistico può essere successiva a tale data.

– invecchiamento attivo
per i lavoratori dipendenti con contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato che maturano il diritto al trattamento pensionistico di vecchiaia entro il 31 dicembre 2018, è prevista la possibilità di concordare con l’azienda una riduzione tra il 40 e il 60 per cento dell’orario di lavoro. In tal caso, i lavoratori potranno ottenere mensilmente dall’impresa una somma, corrispondente alla contribuzione previdenziale dovuta dall’azienda a fini pensionistici, relativa alla prestazione lavorativa non effettuata, che non concorre alla formazione del reddito e non è soggetta a contribuzione previdenziale. Attraverso questo meccanismo il lavoratore potrà arrivare alla pensione svolgendo un orario di lavoro parziale, mantenendo però l’assegno pensionistico come se avesse lavorato fino alla fine a tempo pieno.

– lavoratori autonomi
è stata introdotta una misura che scongiura l’incremento dell’aliquota contributiva per i titolari di posizione fiscale ai fini IVA iscritti alla gestione parasubordinati INPS, al fine di sostenere il lavoro autonomo non imprenditoriale e l’articolazione flessibile nei tempi e luoghi di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

– sostegno alla genitorialità
estensione alle madri lavoratrici autonome o imprenditrici della possibilità di richiedere, in alternativa al congedo parentale, un contributo economico da impiegare per il servizio di baby-sitting o per i servizi per l’infanzia erogati da soggetti pubblici o da soggetti privati accreditati.

– lotta alla povertà e all’esclusione sociale
è stato istituito un fondo finalizzato al raggiungimento dei livelli essenziali delle prestazioni assistenziali da garantire in tutto il territorio nazionale per contrastare la povertà.
A partire dal 2016, è stata introdotta una carta della famiglia, destinata a sostenere gli acquisiti di determinati beni e servizi per le famiglie con almeno tre figli e aventi i requisiti che saranno determinati entro tre mesi dal Ministero del lavoro.

– salvaguardia dei lavoratori dall’incremento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico
introduzione di una misura specifica.

altre news

Ambiente – attivato il portale per l’invio delle valutazioni d’impatto ambientale di competenza statale

22 Febbraio 2024

Eccellenze gastronomiche italiane: al via il Fondo per la valorizzazione del settore

22 Febbraio 2024

Seminario FARE INVESTIMENTI IN VALLE D’AOSTA

22 Febbraio 2024

Progetto Tourism Digital Hub per la promozione delle imprese turistiche

20 Febbraio 2024