Legge di stabilità 2016: superammortamento per autocarri, autovetture, motocicli e ciclomotori

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto un’interessante agevolazione fiscale consistente in un superammortamento pari al 140% del costo del bene.
La norma prevede che, ai fini delle imposte sui redditi, per i soggetti titolari di redditod’impresa e i soggetti esercenti arti e professioni che, nel periodo compreso tra il 15ottobre 2015 e il 31 dicembre 2016, effettuino investimenti in beni strumentali nuovi,il costo dell’acquisizione sia maggiorato del 40%, con esclusivo riferimento alladeterminazione delle quote di ammortamento fiscalmente deducibili.
In pratica, se il costo di un bene strumentale nuovo è pari a 100, il costo deducibile ai fini dell’ammortamento fiscale saràpari a 140. Questo maggior ammortamento costituisce quindi un bonus fiscale per i contribuenti.
I beni oggetto dell’agevolazione
Sono agevolatii beni strumentali nuovi (acquistati dal produttore o dal commerciante del bene o comunque mai statoutilizzato da nessuno) acquisiti anche tramite leasing.
L’inciso “mai usati” comprende i beni acquistati non dal produttore, ma da un terzo, che rimangono agevolati se mai usatiprima. Quindi anche l’auto acquistata a Km 0 dovrebbe essere agevolata, trattandosi comunque di un bene mai usato.
Il beneficio riguarda, oltre naturalmente gli autocarri, anche le autovetture, i motocicli e i ciclomotori,tenendo tuttavia conto delle limitazioni previste dall’art. 164 Tuir (quota fiscalmente deducibile del 20%, o 70% se affidataa dipendentilimite di costo fiscalmente ammesso, ecc.).
Ad esempio, il limite del costo fiscale delle auto (18.076 euro) è incrementato nella stessa misura del 40% e, quindi, èinnalzato a 25.306 euro. L’incremento del limite non riguarda le auto concesse in uso promiscuo ai dipendenti per le qualiil limite non esiste.
Resta invece immutata la percentuale di deducibilità del 20% ovvero del 70% per le imprese e professionisti e dell’80% per agenti e rappresentanti.
Nel caso di leasing l’agevolazione si applica sulla quota capitale inclusa nel canone.
Non è prevista nessuna agevolazione per i noleggi a lungo termine.
Beni esclusi dall’agevolazione
L’agevolazione esclude i fabbricati e le costruzioni, gli aerei, i beni con coefficiente di ammortamento inferiore al 6,5% (silos, serbatoi, ecc.), i beni immateriali e i beni usati.

 

altre news

Ambiente – attivato il portale per l’invio delle valutazioni d’impatto ambientale di competenza statale

22 Febbraio 2024

Eccellenze gastronomiche italiane: al via il Fondo per la valorizzazione del settore

22 Febbraio 2024

Seminario FARE INVESTIMENTI IN VALLE D’AOSTA

22 Febbraio 2024

Progetto Tourism Digital Hub per la promozione delle imprese turistiche

20 Febbraio 2024