Legge 15/2021 art. 16: contributo per spese investimenti

A partire dalle ore 14.00 del 30 agosto 2021 e non oltre le ore 23.59 del 29 ottobre 2021 è possibile presentare domanda per il contributo una tantum a fondo perduto concesso a parziale copertura dei costi per investimenti in beni strumentali o in opere di adeguamento degli spazi funzionali all’esercizio dell’impresa, arte o professione a favore di attività turistico-ricettive e commerciali, proprietari o gestori di rifugi alpini, imprese industriali e artigianali e imprese agricole aventi sede legale o operativa in Valle d’Aosta.

Per i lavoratori autonomi e i professionisti, le iniziative possono riguardare esclusivamente investimenti, materiali e immateriali, finalizzati alla digitalizzazione dell’attività autonoma e/o professionale.

Il contributo è concesso in misura pari al 30% della spesa complessiva ammessa.

Sono ammesse le spese di investimento, sostenute dal 1° giugno 2021 al 29 ottobre 2021, con un limite minimo di spesa complessiva (al netto dell’IVA e di qualsiasi altro onere di natura fiscale, se recuperabile) di euro 3.000 e massimo complessivo di:

  1. a) euro 25.000, per le imprese con fatturati fino a euro 40.000;
  2. b) euro 50.000, per le imprese con fatturati da euro 40.001 fino a euro 150.000;
  3. c) euro 75.000, per le imprese con fatturati da euro 150.001 fino a euro 400.000;
  4. d) euro 100.000, per le imprese con fatturati da euro 400.001 fino a euro 1.000.000;
  5. e) euro 250.000, per le imprese con fatturati oltre euro 1.000.000;
  6. f) euro 50.000, per le imprese attive dal 1° gennaio 2020 e per i proprietari e i gestori di rifugi alpini non costituiti in forma di impresa;
  7. g) euro 50.000, per i lavoratori autonomi e i professionisti, singoli o associati, per i quali i contributi di cui al presente articolo sono concessi per i soli investimenti, materiali e immateriali, finalizzati alla digitalizzazione.

Sono escluse dalle agevolazioni di cui all’articolo 16 della “Legge” le seguenti spese:

a) acquisto di beni immobili;

b) acquisto di beni usati o rigenerati;

c) acquisto di veicoli aziendali il cui costo non sia integralmente deducibile;

d) acquisto di veicoli a Km 0;

e) acquisto di smart-phone e tablet;

f) acquisto di software non contabilizzati come immobilizzazioni immateriali;

g) spese relative a interventi di manutenzione ordinaria;

h) spese sostenute e regolate per contanti ovvero tramite permuta o compensazione;

i) spese sostenute direttamente dalle singole imprese consorziate/raggruppate e successivamente rifatturate al Consorzio/Raggruppamento e da questo rimborsate alle singole imprese;

j) prestazioni effettuate con personale dell’impresa richiedente e i lavori in economia o le commesse interne;

k) spese effettuate a titolo di locazione finanziaria (leasing);

l) oneri per spese e commissioni bancarie.

Le spese tecniche relative a progettazione, direzione lavori, collaudo e sicurezza sono ammesse nel limite massimo del 10 per cento della spesa ammissibile riferita alle opere edili e impiantistiche.

Non sono ammessi a contributo fatture, preventivi di spesa, computi metrici-estimativi o documenti equipollenti il cui importo unitario sia inferiore a 1.000 euro, al netto dell’IVA e di ogni altro onere di legge.

Cosa serve per presentare domanda:

  • identità digitale SPID, CNS e CIE
  • fattura (o documento equipollente) intestata al beneficiario, emessa dal fornitore in una data compresa tra il 1° giugno 2021 e il 29 ottobre 2021;
  • documento comprovante il pagamento;
  • descrizione dei beni acquistati.

Il pagamento deve essere effettuato attraverso strumenti di pagamento idonei a garantire la tracciabilità della spesa e utilizzando un conto corrente intestato o cointestato al soggetto beneficiario.

Nel caso di interventi avviati tra il 1° giugno e il 29 ottobre 2021, non ancora conclusi alla data di presentazione della domanda, è necessario che almeno il 20% delle spese sia corredato da idonea documentazione fiscale attestante la loro effettuazione e il loro pagamento. E’ richiesto, inoltre, l’impegno a concludere l’investimento e a rendicontarlo entro un anno dalla data di presentazione della domanda.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda al sito regionale https://new.regione.vda.it/servizi/misure-covid/misure-covid-19-relative-al-contributo-per-spese-investimenti

altre news

Premio sviluppo sostenibile 2024

11 Giugno 2024

“Siamo sicuri?”, un webinar gratuito sui rischi nel settore delle imprese di pulizia

11 Giugno 2024

Gli aiuti per il mondo agricolo, una guida agile e pratica su tutti i sostegni erogati dal Dipartimento Agricoltura

11 Giugno 2024

Obbligo di comunicazione del Titolare effettivo

11 Giugno 2024