Emergenza COVID19: nuovo decreto relativo agli spostamenti

In questo nuovo decreto vengono ristabiliti i parametri per l’inserimento di una regione in un colore o in un altro, e precisamente:

a) “ Zona bianca“, le Regioni, nei cui territori l’incidenza settimanale di contagi è inferiore a 50” casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive e che si collocano in uno scenario di tipo 1, con un livello di rischio basso;

b) “Zona arancione“, le Regioni, nei cui territori l’incidenza settimanale dei contagi è superiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti e che si collocano in uno scenario di tipo 2, con livello di rischio almeno moderato, nonché quelle che, in presenza di una analoga incidenza settimanale dei contagi, si collocano in uno scenario di tipo 1 con livello di rischio alto;

c)”Zona rossa“, le Regioni, nei cui territori l’incidenza settimanale dei contagi è superiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti e che si collocano in uno scenario di tipo 3, con livello di rischio almeno moderato;

d) “Zona gialla” le Regioni nei cui territori sono presenti parametri differenti da quelli indicati alle lettere a), b), c).».

Fino al 27 marzo 2021, sull’intero territorio nazionale è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute; è sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Fino al 27 marzo 2021, è consentito, nella Zona gialla in ambito regionale e  nella  Zona  arancione  in  ambito  comunale,  lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una  volta  al giorno, in un arco temporale compreso fra  le  ore  05:00  e  le  ore 22:00, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto  a  quelle  ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui  quali  tali  persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone  disabili  o non autosufficienti conviventi. La misura di cui sopra non si applica nella Zona rossa.

Quando la mobilità sia limitata all’ambito territoriale comunale, sono comunque consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

Il decreto è in vigore dal 24 febbraio 2021.

dl_15_23022021_covid_modifica_spostamenti

altre news

Ambiente – attivato il portale per l’invio delle valutazioni d’impatto ambientale di competenza statale

22 Febbraio 2024

Eccellenze gastronomiche italiane: al via il Fondo per la valorizzazione del settore

22 Febbraio 2024

Seminario FARE INVESTIMENTI IN VALLE D’AOSTA

22 Febbraio 2024

Progetto Tourism Digital Hub per la promozione delle imprese turistiche

20 Febbraio 2024