Agevolazioni per l’erogazione di finanziamenti per le vittime di mancati pagamenti da parte delle imprese debitrici

Il Ministero dello Sviluppo economico ha definito modalità e termini di presentazione delle domande di accesso, procedure di concessione, erogazione e rimborso dei finanziamenti agevolati per le imprese vittime di mancati pagamenti

In particolare, sono previste due fasi per la presentazione della domanda di finanziamento agevolato: la compilazione, a partire dalle ore 10.00 del 3 marzo 2017, e l’invio, a partire dalle ore 10.00 del 3 aprile 2017.

Finalità
Concessione di finanziamenti agevolati a PMI che risultano potenzialmente in crisi in quanto vittime di mancati pagamenti da parte di imprese debitrici imputate di reati di cui agli articoli 629 (estorsione), 640 (truffa), 641 (insolvenza fraudolenta) del codice penale ed articolo 2621C.C. ( false comunicazioni sociali).

Soggetti beneficiari
PMI in possesso, alla data di presentazione delle domande, dei seguenti requisiti:
– potenziale crisi di liquidità a seguito dei mancati pagamenti da parte delle imprese debitrici: in particolare le PMI devono presentare un rapporto non inferiore al venti per cento tra l’ammontare dei crediti non incassati nei confronti delle imprese debitrici imputate e il totale dei “Crediti verso clienti” di cui alla lettera C) II – 1) dell’art.24 C.C.
I soggetti beneficiari devono essere, inoltre, regolarmente costituiti ed iscritti nel registro delle imprese e risultare nel pieno e libero esercizio dei propri diritti (non risultare in stato di scioglimento o liquidazione – non essere sottoposti a procedure concorsuali per insolvenza o ad accordi stragiudiziali o piani asseverati o ad accordi di ristrutturazione dei debiti)

Misura dell’agevolazione
È prevista la concessione di un finanziamento a tasso agevolato pari allo zero per cento.
Il finanziamento agevolato deve inoltre essere:
– di importo non superiore alla somma dei crediti documentati e non pagati vantati dalla PMI beneficiaria nei confronti delle imprese debitrici alla data di presentazione della domanda;
– comunque di importo non superiore a 500.000 euro;
– di durata non inferiore a tre anni e non superiore a dieci anni, comprensivi di un periodo di preammortamento massimo di due anni;
– con caratteristiche di credito privilegiato (art. 9 co.5 del D.Lgs. n.123/1998).
In ogni caso, le agevolazioni sono concesse con riferimento agli specifici settori in cui operano le PMI beneficiarie nel rispetto dei limiti massimali di importo previsti, a seconda del settore di appartenenza, dai Regolamenti “de minimis” n. 1407/2013, n. 1408/2013, n. 717/2014.

Presentazione delle domande
Ciascuna PMI beneficiaria può presentare una sola domanda di finanziamento agevolato.
La domanda di finanziamento agevolato contiene una DSAN (Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà) del legale rappresentante della PMI beneficiaria attestante:
– che la PMI beneficiaria che richiede il finanziamento agevolato è parte offesa in un procedimento penale a carico dell’impresa debitrice in corso al 1° gennaio 2016;
– gli estremi del procedimento penale di cui al punto precedente;
– l’ammontare, risultante dagli atti del procedimento penale, delle somme dovute e non pagate alla PMI beneficiaria da parte dell’impresa debitrice;
– l’ammontare alla data di presentazione della domanda, delle somme dovute e non pagate alla PMI beneficiaria da parte dell’impresa debitrice.
Le domande di finanziamento agevolato possono essere presentate dalle PMI beneficiarie esclusivamente tramite la procedura informatica accessibile sul sito internet del Ministero (www.mise.gov.it).

Inoltre l’accesso alla procedura informatica:
– prevede l’identificazione e l’autenticazione tramite la Carta Nazionale dei servizi;
– è riservato al legale rappresentante della PMI beneficiaria.
La domanda e i relativi allegati devono essere firmati digitalmente dal soggetto che compila e presenta la domanda.

Termini per la presentazione delle domande
La presentazione della domanda di finanziamento agevolato si articola nelle due seguenti fasi:
1. compilazione, a partire dalle ore 10.00 del 3 marzo 2017;
2. invio, a partire dalle ore 10.00 del 3 aprile 2017.

altre news

DL Salva casa. Associazioni artigiane: “Semplificazioni positive, ma serve un Codice unico dell’edilizia e il riordino degli incentivi”

13 Giugno 2024

Per “I lunedì del Benessere” un webinar su come gestire finanziariamente saloni e centri estetici

13 Giugno 2024

Premio sviluppo sostenibile 2024

11 Giugno 2024

“Siamo sicuri?”, un webinar gratuito sui rischi nel settore delle imprese di pulizia

11 Giugno 2024